Mary Shelley e la maledizione del lago – Adriano Angelini Sut

mary_shelley_e_la_maledizione_del_lago

In uscita per XL edizioni il nuovo romanzo gotico del giornalista e scrittore Adriano Angelini Sut 

Mettete insieme uno dei personaggi simbolo della paura del diverso e dell’incombere di una scienza irresponsabile – il mostro di Frankenstein, una delle donne più anticonvenzionali e creative dell’Ottocento – la sua autrice, Mary Shelley –, e poi affidate il tutto a un autore giovane e pronto alla sfida…

Ed ecco il romanzo Mary Shelley e la maledizione del lago, di Adriano Angelini Sut, che racconta in versione romanzata la vita di quella che è conosciuta come la moglie del poeta e filosofo romantico Percy Bysshe Shelley, ma soprattutto una giovane donna anticonformista e ribelle, in un tempo sommamente conformista come quello in cui visse. La sua storia – travagliata, passionale e a tratti dolorosa – culmina in quell’ormai famosa notte di noia nel castello sul lago di Ginevra, quando un gruppo di scrittori e artisti – fra i quali la stessa Mary – diedero vita e corpo a mostri costruiti con parti di cadaveri, vampiri e fantasmi, creature tetre e affascinanti creature che ancora oggi popolano l’immaginario collettivo. 

mary_shelley_e_la_maledizione_del_lago (1)Titolo: Mary Shelley e la maledizione del lago
Autore: Adriano Angelini Sut
Editore: XL Edizioni
Anno: 2013
Pagine: 192
Prezzo: € 11,90
Chi era Mary Shelley? Tutti la conoscono come la madre di Frankenstein, la scrittrice che creò il mostro più famoso della letteratura e del cinema. Ma pochi sanno che era la figlia di una paladina dei diritti delle donne e di un filosofo anarchico. La sua infanzia fu popolata da fratellastri e matrigne, girò mezza Europa e fu considerata per le sue relazioni e per la sua indipendenza una donna scandalosa. La sua biografia, qui narrata come un romanzo, ci conduce fino alla Notte di Villa Diodati nel 1816, sul lago di Ginevra quando, in compagnia dei grandi Percy Shelley, Lord Byron e John Polidori, in uno scenario di tempesta e spettri, tra una gara di scrittura e una seduta spiritica, concepì l’idea del Frankenstein.

adriano_angelini_sut

L’Autore

Adriano Angelini Sut, romano, scrittore, giornalista e traduttore. Tra i suoi romanzi: Da soli in mezzo al campo (Azimut, 2005), Le giornate bianche (Azimut, 2007). Ha pubblicato inoltre 101 cose da fare a Roma di notte almeno una volta nella vita e 101 gol che hanno cambiato la storia del calcio italiano (Newton Compton, 2010). Ha collaborato con «Il Foglio», Radioradicale.it, Il paradiso degli orchi e Radio Manà Manà e ha tradotto per XL edizioni le opere di Luis Alberto Urrea. Attualmente è direttore editoriale della casa editrice Zero91.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Altri articoli:

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.
  • RSS
  • Facebook