Arrow 1X16 – Dead to rights

Oliver si trova ancora davanti a scelte difficili, sulla sua missione, sulla sua vita sentimentale e, soprattutto, sulla sua amicizia con Tommy. L’episodio di questa settimana ci presenta due importanti rivelazioni che avranno sicuramente grandi ripercussioni sugli sviluppi narrativi.

Episodio diretto da Glen Winter e scritto dai creatori con la collaborazione di Geoff Johns.

Come prassi, l’episodio si apre con la presentazione di un nuovo cattivo in città che arriva in elicottero al centro di Starling City pronto ad uccidere qualcuno. Capiamo subito che si tratta del killer ingaggiato per uccidere Malcom, il padre di Tommy. Pochi secondi, però, e il cattivissimo killer è già morto a causa di una freccia del vigilante. Il quesito per Arrow è ora come scoprire la potenziale vittima. Nel frattempo, è il compleanno di Tommy, che organizza una bella cena tra amici dove Oliver si presenta con la sua nuova ragazza, il detective McKenna. La festicciola viene interrotta dall’arrivo del padre di Tommy, che sembra voler riallacciare i rapporti con il figlio e lo invita ad una sua celebrazione come benefattore della città. Intanto, però, bisogna trovare un nuovo killer per il lavoro ordinato da Moira e si rivede Deadshot, il cecchino implacabile al quale Arrow pochi episodi indietro ha cavato un occhio. Con un nuovo occhio elettronico, Deadshot è pronto per l’incarico che si svolgerà proprio alla celebrazione di gala. Grazie al solito, provvidenziale aiuto di Felicity, Oliver scopre i piani del killer e deve interrompere un pic nic romantico con la sua ragazza per correre in soccorso del padre di Tommy. Alla serata le cose si fanno convulse e Malcom viene ferito da una pallottola al curaro. L’unico modo per salvarlo è una trasfusione con il sangue di Tommy, che però non si fida del vigilante così, per salvare l’uomo, Arrow rivela la sua identità all’amico. I due riescono a salvare l’uomo, ma si capisce che tra loro ancora molte cose andranno chiarite. Nei flashback sull’isola, Oliver e Slade proseguono la loro convivenza forzata e, dopo che Oliver è riuscito a riparare una radio rotta, scoprono che sull’isola è in arrivo un’arma potentissima e decidono di agire. L’episodio di chiude con una seconda, importante rivelazione: la madre di Laurel arriva alla sua porta affermando che la sorella potrebbe essere ancora viva.

Episodio che si distacca dal percorso solito per focalizzarsi sull’amicizia tra Oliver e Tommy. Lo svelamento dell’identità dell’eroe non sembra mettere in pericolo la sua missione perché Tommy decide subito di non rivelare il segreto al suocero, il detective Lance, che però sospetta qualcosa. I due dovranno comunque parlare, anche se Oliver insiste ad affermare che non può rivelare cosa è accaduto sull’isola. Ed intanto, proprio sull’isola, cambia qualcosa, con Oliver e Slade che, da cercare solo di scappare, decidono di combattere l’esercito. La sorpresa finale, con la rivelazione che forse la sorella di Laurel è ancora viva, arriva dal nulla, ma vedremo che sviluppi avrà sulla storia.

La serie Arrow ha diversi difetti, uno tra tutti è quello di dimenticare indietro i personaggi per poi riesumarli dal nulla, come accaduto in questo episodio con Tommy, ma ha la qualità di non essersi adagiata sui binari comodi del “nemico della settimana”, da combattere per poi tornare alla vita normale. Più che sui nemici, che fino ad ora non si sono rivelati neanche lontanamente invincibili o anche solo un grande problema per Arrow, la storia si concentra sul personaggio principale e sui suoi dilemmi morali e sentimentali e questo porta alle problematiche legate ai rapporti umani, che qui si evidenziano con la battuta del detective Lance sul perché, tra i tanti ricchi puniti dal vigilante, solo Moira e Malcom siano riusciti a salvarsi. A mio giudizio la parte sull’isola resta la più interessante, sia come scelta estetica di una fotografia desaturata e fredda, sia perché lì risiedono i misteri sulla creazione di questo eroe mascherato e fino ad ora gli sceneggiatori hanno dosato bene misteri e rivelazioni.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Altri articoli:

Tags:  , ,

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.
  • RSS
  • Facebook