Arrow 01×06: Legacies

Oliver/Arrow prosegue nella sua missione ma ora non è più un eroe solitario.

John è più di una spalla e può fargli vedere oltre la sua missione. Episodio diretto da John Behring e scritto da Moira Kirland insieme a Marc Guggenheim.

Oliver continua a guardare avanti senza rimorsi e prosegue nella sua lista, ma John porta la sua attenzione su una serie di rapine effettuate a banche di tutto il paese e che, nell’ultima, hanno causato quasi la morte di un poliziotto in borghese. In principio Oliver sembra non voglia occuparsi del caso, poiché i criminali comuni non rientrano nella sua missione, ma John lo costringe a guardare oltre. E Oliver capisce molto: infatti, la banda criminale è formata da una famiglia – padre, madre e due figli – ridotta alla miseria proprio dal padre di Oliver e dai licenziamenti indiscriminati effettuati da una delle sue aziende.

Oliver decide allora di occuparsi del caso e tenta di dare una possibilità di salvezza al capo famiglia offrendogli un lavoro, ma la banda decide di effettuare un ultimo colpo e il padre della famiglia morirà sotto i colpi da fuoco di una guardia. Oliver comprende che le colpe del padre vanno ben oltre ciò che lui immaginava e che la sua missione è molto meno lineare e semplice di ciò che credeva.

Parallelamente, il suo amico Tommy tenta di riconquistare Laurel e decide di aiutarla nella raccolta fondi per la sua associazione, suscitando le gelosie della sorella di Oliver, Thea, innamorata di Tommy, che la considera, però, come una sorella. La parte dedicata al flashback è piuttosto breve ma risolutoria, finalmente, del mistero del libretto: le pagine che sembravano bianche sono in realtà scritte con un inchiostro che compare a contatto con il calore.

Episodio che prosegue sulla falsariga dei precedenti, ma se ne discosta per il caso della settimana, che è dedicato a questi criminali comuni che hanno comunque le loro giustificazioni e rendono la vita di Oliver ancora più complicata: la sua missione di eroe solitario diventa sempre più complicata moralmente e la figura di John è senz’altro positiva, per lui e per la storia. John si pone non come semplice spalla ma come partner a tutti gli effetti, anche se in questo episodio è meno impegnato e meno presente sullo schermo. La serie, comunque, prosegue sicura e mantiene il suo stile visuale e scenografico.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Altri articoli:

Tags:  , ,

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.
  • RSS
  • Facebook