Alphas seconda stagione

I nostri eroi sono tornati!

Da qualche anno l’estate non è più una stagione di repliche per la tv statunitense ma, seguendo il trend imposto dai canali via cavo, tutti i network propongono serie pensate appositamente per il periodo estivo. Rientra in questa categoria Alphas proposta da SyFy della quale è andato in onda a fine luglio il primo episodio della seconda stagione.

Per chi fosse rimasto indietro, la serie racconta le storie di persone comuni che scoprono di avere dei poteri straordinari, una sorta di X-Men con poteri vari, da una mira infallibile ad una forza straordinaria, dalla possibilità di appiccare incendi all’invisibilità. Un gruppo di questi personaggi, capitanato dal dottor Rosen (David Strathairn) tenta di catturare i superdotati che utilizzano i loro poteri per violenze e crimini.

La prima stagione era terminata con il dottor Rosen che rivelava al mondo l’esistenza di queste persone e di come il Governo Americano li stesse catturando e rendendo inoffensivi in una sorta di carcere speciale. La seconda stagione riprende le fila da questo evento e ci mostra come Rosen sia stato internato in un manicomio per tenerlo lontano dal mondo. Il resto della squadra, senza il collante di Rosen, ha preso strade diverse, senza grande successo. Una rivolta nel carcere degli speciali costringe il Governo a liberare Rosen e riformare la squadra.

Alphas è una serie a basso budget – per gli standard americani – che però riesce nel divertire ed imbastire una storia che ha grandi potenzialità, potendo contare su episodi autoconclusi che si concentrano sulla ricerca di un singolo speciale e, al contempo, tesse una storia orizzontale che si innesta sulla classica dicotomia buoni-cattivi e dalle responsabilità che queste abilità portano con loro. Questa linea era stata già accennata nella prima stagione e dal primo episodio di questa seconda stagione sembra essere questa la linea scelta dagli autori, con una cospirazione che tenta di imporre gli speciali, in opposizione al Governo e al gruppo di Rosen che tentano, invece, di limitare le loro violenze e trovare un modo per inserirli nel mondo. Con in più la figlia di Rosen, anche essa una speciale, che si trova schierata con i cattivi.

Molto X-Men, insomma, più dramma, commedia e azione, qualche effetto speciale ed un buon cast destinato a crescere, più che abbastanza per passare delle piacevoli serate estive.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Altri articoli:

Tags:  ,

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.
  • RSS
  • Facebook