John Carter di Marte torna in libreria

In concomitanza con l’uscita cinematografica di John Carter, tornano in libreria i romanzi di Edgar Rice Burroughs.

Tra meno di una settimana uscirà nelle sale italiane l’atteso colossal Disney, John Carter, e la Newton Compton ha ben pensato di offrire ai lettori l’opportunità di riscoprire i romanzi di Edgar Rice Burroughs da cui è tratta la pellicola. 

Dopo un secolo dalla prima edizione i primi tre romanzi del Ciclo di Marte (Sotto le lune di Marte, Gli Dei di Marte e Il signore della guerra di Marte) verranno raccolti in un volume unico pubblicato in edizione tascabile. Il lettore potrà seguire le avventure del protagonista, John Carter, un ex soldato che si ritrova catapultato su Marte, “un mondo sull’orlo del collasso, dove schiere di tribù semibarbariche si combattono senza sosta.” Tra razze sconosciute, mostri terrificanti, combattimenti all’ultimo sangue e antichi ritrovati, Carter verrà coinvolto in un colossale conflitto e dovrà dimostrare di saper sopravvivere in quell’ambiente violento e ostile.

Una serie avventurosa e appassionante che ha fatto sognare molte generazioni di lettori e che ora viene riproposta per entusiasmare anche il pubblico moderno.

L’AUTORE

Edgar Rice Burroughs (Chicago 1875 — Encino 1950), dopo aver frequentato solo le scuole dell’obbligo, rinunciò alla carriera militare e iniziò a lavorare nella fabbrica del padre, per poi dedicarsi a varie attività. Successivamente cercò una sua strada facendo vari mestieri come: poliziotto ferroviario, minatore, cercatore d’oro, negoziante in un drug-store, venditore di temperini, venditore ambulante di dolciumi, cow-boy e anche contabile, a dimostrazione di una perenne insoddisfazione che era, specie in quegli anni, una sua caratteristica. Poco dopo aver venduto il suo primo romanzo per cento dollari, incontrò il favore del pubblico con la celeberrima serie di Tarzan e, da allora, i guadagni non fecero che aumentare, tanto che, alla morte, possedeva oltre dieci milioni di dollari. I suoi sessanta romanzi vendettero oltre quarantacinque milioni di copie nella sola America del Nord, a riprova di un successo che dura ancora oggi. Altri grandi cicli avventurosi scritti da Burroughs sono Carson di Venere (ciclo di Venere) e quello di Pellucidar (La terra dimenticata dal tempo), che assieme al Mondo perduto di Arthur Conan Doyle è tra le opere più influenti del genere “fanta-preistorico”.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Altri articoli:

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.
  • RSS
  • Facebook