Cabin Fever – In arrivo due prequel

Prima di traumatizzare il mondo con il suo spietato Hostel, Eli Roth ci aveva regalato un piccolo gioiello dell’horror, in cui si mescolavano elementi del teen movie classico e altri del cosiddetto cinema viral. Parliamo naturalmente di Cabin Fever (2002).

Al momento si stanno preparando ben due prequel della famosa storia scritta a quattro mani dal giovane Roth insieme al suo compagno di corsi all’università. Le riprese di entrambi i film inizieranno nel 2012, in Repubblica Domenicana.

Il primo film, Cabin Fever Patient Zero, avrà come ambientazione il mare: la trama infatti racconta di uno scontro tra una normale nave passeggeri e una nave abbandonata che farà da vascello per il virus mortale del primo film. All’equipaggio il compito di cercare di sopravvivere.

Nel secondo film, invece, Cabin Fever Outbreak, vedremo una famiglia di medici che indaga in una determinata zona dei Caraibi su un particolare ceppo di influenza solo per scoprire che si tratta di quel terribile virus che prima di ucciderti ti strappa letteralmente la pelle di dosso. Il compito dei medici sarà quello di prevenire un’epidemia a livello mondiale.

Per chi non avesse visto la prima pellicola di Roth (nel 2002) facciamo un piccolo ritorno al passato: un gruppo di adolescenti decide di passare qualche tempo in una vecchia baita di caccia sperduta in un bosco. Tra amicizie e amori più o meno consumati, i ragazzi hanno uno scontro (in realtà li aveva avvicinati solo per chiedere aiuto) con uno strano uomo dal volto deturpato che sta vomitando sangue. Presi dal panico, lo uccidono. Poco dopo quasi tutti iniziano ad avere degli orripilanti sintomi di una strana malattia: la pelle inizia a staccarsi dalle ossa.

La tragedia ovviamente si consuma: i ragazzi iniziano ad uccidersi tra di loro per il panico e il finale preannuncia un contagio. Il corpo di uno dei ragazzi contagiati viene gettato in un lago, le cui acque però vengono usate come approvvigionamento da un villaggio vicino…

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Altri articoli:

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.
  • RSS
  • Facebook