Once Upon a Time – Primo assaggio

Presentata una clip preview con i primi 9 minuti del tv show ABC Once upon a time, che andrà in onda a partire dal 23 ottobre.

Once upon a time racconta le vicende di personaggi del mondo delle fiabe il cui happy ending non si può realizzare in quanto sono intrappolati (vedremo poi il probabile perchè) nel mondo degli esseri umani. Potremmo definirla una specie di favola moderna al contrario. Infatti, il mondo degli esseri umani impedisce la realizzazione di quello che siamo abituati a vedere nelle fiabe.

La nostra protagonista Emma Swan (Jennifer Morrison), che nella vita reale si occupa di cauzioni, viene a sapere, attraverso l’incontro con il piccolo Henry, di essere in realtà la figlia di Biancaneve. Henry è anche il figlio che Emma ha dato in affidamento anni fa. Nonostante non creda alle sue parole, Emma è preoccupata per il ragazzino e lo raggiunge a Storybrooke, il paesino del Maine dove vive. Emma, successivamente. si renderà conto che le parole di Henry celano una incredibile verità: i personaggi del mondo delle fiabe sono intrappolati in una realtà umana, e non ricordano chi sono.

La clip esordisce con la più classica delle scene: il bacio del Principe che risveglia Biancaneve. I due innamorati riescono a coronare il loro sogno d’amore e si sposano: ma una terribile sventura si abbatte su di loro. A cerimonia quasi ultimata fa la sua apparizione la perfida Regina che minaccia Bianceneve, il Principe e tutti i presenti di portar via loro tutto quello che amano.

Passiamo successivamente ad una scena nel presente: Emma si reca in un ristorante per lavoro, solo per scoprire che il suo cliente, dopo esser stato liberato dalla prigione dietro il pagamento di una cauzione, vuole ingannare la famiglia e fuggire. Dopo avergli dato una bella lezione, la donna ritorna malinconicamente al suo appartamento per festeggiare un compleanno in solitudine, fino a che non suonano alla porta. E’ un bambino, che dice di essere suo figlio. 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Altri articoli:

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.
  • RSS
  • Facebook