Time Zones

La Walt Disney Pictures ha in cantiere un nuovo progetto: Time Zones

Finalmente un’opera originale che si fa largo tra i vari remake e reboot che in questo periodo sembrano più presenti che mai nei cinema: Time Zones promette una ventata di novità e una trama molto interessante, capace di catturare persino l’attenzione di quelli che non amano andare al cinema.

La Walt Disney Pictures ha annunciato la produzione del nuovo film Time Zones, svelando anche alcuni dettagli della trama. La Hollywood Reporter, la più autorevole rivista di intrattenimento negli Usa insieme a Variety, ha confermato che la sceneggiatura è stata affidata a Marc Guggheneim (Lanterna Verde, Flash Forward, No Ordinary Family), mentre a produrre il progetto sarà Mark Gordon (Source Code) e Jennifer Todd (Alice in Wonderland).

La vera novità sta nella trama dal sapore fantascientifico: un evento di portata globale ha diviso il mondo in base a fasce temporali, ciò significa che ogni paese vive in un’epoca storica differente e attraversare i luoghi implica attraversare i secoli. Al centro della storia c’è un uomo che decide di sfruttare questi salti temporali per tornare indietro nel tempo e, aiutato da sua figlia, salvare la moglie da morte certa.  Il film è in fase di sviluppo, dunque per ora non si sa nulla di più né sulla storia, né sull’uscita nelle sale cinematografiche americane e italiane.

Time Zones dovrebbe rientrare a pieno titolo nel filone fantascientifico, sia cinematografico che letterario, in cui i viaggi nel tempo e le problematiche legate al passaggio da una dimensione temporale all’altra sono il fulcro attorno al quale ruota l’intera vicenda; pensiamo, per esempio, alla fortunata serie di Ritorno al Futuro, diretta da Robert Zemeckis (Forrest Gump, Le Verità Nascoste).  Per ora, comunque, visti i pochi dati a disposizione, non è possibile tracciare un quadro completo ed esatto dell’opera. Non ci resta che attendere i nuovi aggiornamenti sul modo e sui tempi di realizzazione da parte della Disney.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Altri articoli:

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.
  • RSS
  • Facebook