I morti viventi sono tra noi – Thomas Plischke

Horror e amore tra miti e leggende. Gli zombie sono tornati o… sono sempre rimasti al nostro fianco?

Il primo libro di una nuova e ben studiata serie in cui i protagonisti saranno degli zombie originali, descritti e osservati attraverso una prospettiva del tutto innovativa e accattivante: I morti viventi sono tra noi, di Thomas Plischke, autore tedesco di narrativa fantastica.

In un’ambientazione che non include scenari apocalittici, i protagonisti di questa nuova avventura sono creature avvolte nel mistero, coscienti della loro condizione e tenuti a vivere ai margini della società dalla quale sono sempre stati tenuti a distanza. L’autore è stato in grado di tracciarne i profili in maniera magistrale, attraverso uno studio da lui approfondito sulle tradizioni e leggende tramandate in diversi paesi del Mondo, riguardanti la figura emblematica dei non-morti.

La protagonista principale è Lily Young, antropologa afro-caraibica dedita proprio alla ricerca su  quest’argomento, persino attraverso interviste e indagini. La trama inizia a prendere la svolta decisiva nel momento in cui il suo amico e compagno di studi, Gottlieb, viene improvvisamente richiamato in Germania, e Lily inizia a frequentare il misterioso ragazzo di nome Victor, dal quale è rimasta affascinata. Fin quando, una notte per Lily maledetta segnerà un cambiamento radicale e irreversibile per la sua stessa vita: durante una festa alla quale è stata invitata, la ragazza viene morsa e infettata, trasformandosi così, lentamente, in uno zombie.

In una cittadina scozzese apparentemente fuori dal mondo e intrisa di mistero, avremo modo di assistere al cambiamento della povera Lily, in lotta con ciò che la sua nuova natura la spinge a desiderare e la sua coscienza tormentata da una miriade di stati d’animo.

Tra nuovi personaggi come Ben e Alice, rientrerà in scena Gottlieb, il quale si scoprirà leader di una secolare società segreta ed esistente per un preciso scopo che farà intrecciare il suo destino con quello di Lily e Victor.

Tensione e continui cambiamenti, brandelli di orrore e amore per il triangolo che vedrà protagonisti Lily, Victor e Gottlieb; una storia particolarmente delicata e complessa, che farà forse apprezzare maggiormente la figura degli zombie, visti e trattati diversamente da ogni altro romanzo che parla di essi. Vissuti più “umanamente” di quanto si possa immaginare.

La Quarta:

La giovane Lily, studentessa inglese di antropologia, sta scrivendo una tesi di dottorato sugli zombie, ma non sa che questa sua passione sarà irrimediabilmente la causa della sua discesa nelle tenebre.  Al funerale del nonno la giovane conosce infatti Victor, uomo affascinante e ambiguo che, con il pretesto di darle importanti informazioni per la tesi, la porta a una festa dove, nel corso di uno strano gioco, un uomo travestito da zombie la morde. Da quel momento inizia una metamorfosi che porta Lily a trasformarsi lentamente e inesorabilmente in una morta vivente e a sfuggire a se stessa e agli altri abitanti del villaggio di Manger, regno degli zombie.  Una zombie, tuttavia, non può amare né sottrarsi all’inferno in cui è stata trascinata senza fare del male a chi le sta accanto… ma, forse, un giorno, spinta dall’amore, potrebbe essere in grado di frenare i suoi impulsi omicidi.  Questa speranza rispecchia il destino di Lily… e la sua maledizione.

Serie Die Zombies

1. Die Zombies, 2010 (I morti viventi sono tra noi, 2011)
2. secondo romanzo previsto, presumibilmente, entro la fine del 2011
+ eventuali altri romanzi a seguire

L’AUTORE:

Thomas Plischke è nato nel 1975 a Ludwigshafen am Rein, ha studiato psicologia, sociologia, americanistica a Mannheim e ad Amburgo.  Amante del fantasy sin dall’infanzia, ne ha fatto una professione diventando autore di diversi romanzi e racconti.  Vive e lavora ad Amburgo.

 

I morti viventi sono tra noi

Autore: Thomas Plischke
Casa editrice: Armenia
Collana: Creature delle Tenebre
Traduzione: Roberta Zuppet
Pagine: 512
Prezzo: € 17,50
In uscita il 22 Settembre 2011

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Altri articoli:

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.
  • RSS
  • Facebook