Jeanne C. Stein – Anna Strong Chronicles

Sensualità e romanticismo per una serie che ha conquistato gli amanti dell’ urban fantasy. Un’eroina capace di amare e di uccidere. 

L’eroina per eccellenza dell’ urban fantasy, nonostante possano essere presenti alcune variazioni, nella maggior parte dei casi presenta delle precise caratteristiche: è forte e determinata, non ha bisogno di giustificazioni che spieghino il perché delle sue scelte, tende ad infuriarsi facilmente, è una lottatrice ed è bravissima a mentire a se stessa.

Questo identikit si adatta perfettamente a molte eroine di serie urban fantasy (come la celebre protagonista negromante Anita Blake, nata dalla prolifica penna dell’autrice americana Laurell K. Hamilton) ed è il ritratto realizzato per lei: Anna Strong, la protagonista della serie Anna Strong Vampire Chronicles di Jeanne C. Stein. Anna è l’emblema della donna forte che, nonostante la consecutiva serie di situazioni difficili che si presentano nel suo cammino, non si tira indietro davanti a nulla: un’eroina borderline nient’affatto schizzinosa, capace di usare ogni arma possibile e che, per proteggere i suoi cari, è capace anche di infrangere la legge.

Per vivere, Anna Strong fa la cacciatrice di taglie. Non disdegna le cazzottate e non si fa scrupoli ad utilizzare il proprio fascino per intrappolare i malviventi che deve catturare. Il pericolo è il suo mestiere, ma certo non si sarebbe mai aspettata l’incontro che avrebbe per sempre segnato il suo destino in maniera tanto meschina. Un vampiro, infatti, l’ha infettata rendendola vampiro a sua volta. La sua vita così cambia del tutto pur mantenendo una normalità apparente, conquistata grazie ad una incredibile dose di testardaggine e ad un’enorme quantità di bugie.

Ma il mondo soprannaturale ingoierà presto Anna nel suo vortice buio e pericoloso, lasciandole scoprire l’esistenza dei vampiri, nonché dei licantropi, delle streghe e di tutta quella schiera di personaggi soprannaturali che fino a poco tempo prima rappresentavano per lei il mondo della fantasia. Questi affiancheranno i criminali, i malviventi e l’FBI, che daranno vita alla caotica esistenza di Anna.

Normale e paranormale, umano e non umano, sono gli elementi essenziali e immancabili mixati a dovere in ogni libro, quelli che danno la giusta patina di realismo e contemporaneità alle avventure di quest’incredibile protagonista.

Un altro fattore interessante e meritevole di attenzione è quello che vede i “buoni” di questa serie, non così immaccolati ed eroici come si potrebbe immaginare. A volte sono ex malviventi, brutali nel loro stile di vita e con pochi scrupoli nei riguardi altrui. La stessa Anna non si fa molti problemi ad uccidere. I libri sono ricchi di azione ad alta carica di adrenalina, ma non mancano anche quelle note di romanticismo e commozione che non fanno male alla storia, rappresentati dalla tormentata vita sentimentale e familiare di Anna, la quale, costretta a mentire per nascondere la sua nuova condizione, perderà fidanzato e genitori e dovrà addirittura fingersi morta per osservarli solo da lontano.

LA SERIE

L’autrice ha dichiarato che la serie sarà in tutto di nove libri e si concluderà nel 2013.

1. The becoming
2. Blood drive
3. The watcher
4. Legacy
5. Retribution
6. Chosen
7. Crossroads

L’AUTRICE:

Jeanne C. Stein vive ora in Colorado, ma è cresciuta e ha studiato a San Diego, il luogo in cui ha ambientato anche la sua serie Urban fantasy The Anna Strong Chronicles. Non ha pubblicato altre serie al di fuori di questa, anche perché l’ha resa immediatamente famosa sin dal primo libro, The Becoming, che è diventato, poco dopo la sua pubblicazione nel 2006 in America, un best seller nazionale. Jeanne è un personaggio molto attivo all’interno della comunità degli scrittori: fa parte dei gruppi Sisters in Crime, Horror Writers of America, RWA e Rocky Mountain Fiction Writers. La serie di libri Anna Strong Chronicles è inedita in Italia ma è stata pubblicata oltre che in America ed in Inghilterra, anche in Germania e Norvegia.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Altri articoli:

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.
  • RSS
  • Facebook