Iris. Fiori di Cenere – Maurizio Temporin

Dall’ottobre 2010 in libreria per Giunti Editore, il secondo romanzo del giovanissimo autore italiano Maurizio Temporin, che, dopo aver esordito con Il tango delle Cattedrali (Rizzoli), sperimenta il genere urban fantasy per adolescenti.

Un nuovo urban fantasy italiano ha invaso le librerie nell’autunno scorso e, nonostante siano passati svariati mesi dal suo esordio in libreria, Iris. Fiori di Cenere continua a far parlare di sè in toni entusiastici e appassionati.

“E FU IL PROFUMO A TRASCINARLA IN UN MONDO E IN UN AMORE DESTINATI A BRUCIARE”

Un giovane autore, eclettico, un pò folle e straordinariamente talentuoso, si cimenta in un genere inflazionato come l’ urban fantasy, donandogli, però, un’inedita vena di originalità che ha conquistato fin da subito il grande pubblico italiano, che attende con ansia l’uscita del secondo volume della trilogia.

La protagonista del romanzo, Thara, è una ragazza apparentemente normale, una bellezza anonima dagli occhi viola, che soffre di disturbi narcolettici e vive da diciassette anni all’oscuro del suo passato e della sue origini, fino a quando per caso non annusa, nel giardino di una villetta sconosciuta, il profumo degli iris che la trasportano in un mondo parallelo fatto di cenere, cambiando per sempre le sorti del suo destino.

Iris. Fiori di Cenere - Giunti 2010

Si ritrova sperduta in un universo che non conosce, sola senza nessuno ad aiutarla. In questo luogo incontra Nate, un bellissimo angelo grigio intrappolato tra le dune di quel deserto di cenere, che la fa innamorare perdutaemente.

Un amore destinato a dissolversi in un velo di cenere al solo tocco della mani, di una singola carezza, di un gesto appena accennato. Un sentimento che nel Cinerarium non può esistere e trovare compimento.

In poco tempo la vita di Thara è stata sconvolta dai suoi stessi sentimenti, ma anche da inquietanti rivelazioni e oscuri segreti, che riemergono da quel passato che non ha mai potuto conoscere. Strani avvenimenti e verità inconfessabili. Un padre che non ha mai conosciuto, un amore impossibile, un nemico troppo potente per essere distrutto.

Atmosfere suggestive e surreali permeano questo romanzo, che leggiadramente conduce il lettore attraverso una storia dal sapore fantastico e romantico, nel fascino magnetico di un mondo parallelo fatto di cenere, dove inaspettatamente nasce l’amore tra un angelo grigio dagli occhi arcobaleno e una giovane ragazza avvolta dal profumo degli iris.

Un viaggio affascinante narrato sapientemente dalla penna di Maurizio Temporin, una rivelazione tutta italiana che si conferma essere una delle penne più interessanti del panorama italiano del fantastico.

L’autore sfoggia uno stile invidiabile, raffinato e fluido che coinvolge sin dalle prime pagine il lettore, introducendolo ad un universo fantasy meraviglioso che oscilla tra la dimensione onirica, innescata dall’ammaliante profumo dei fiori di Iris, e la dimensione reale, dove non mancheranno brividi adrenalinici, tensione e colpi di scena entusiasmanti.

INTERVISTA CON L’AUTORE MAURIZIO TEMPORIN

1. Come nasce la storia di Thara e il mondo parallelo del Cinerarium, dei Nocturni e dei crepuscolari? Quali sono state le fonti per la tua ispirazione?

Le cose possono nascere in due modi, a quanto ne so, o da loro madre o da un pensiero nuvoloso, con neuroni in tempesta. Non credo sia interessante dire come è nata la saga di IRIS, non più ormai, mi limiterei a fare riferimenti a cose accadute e suggestioni di cui il lettore non sa niente. Vorrei piuttosto fare io una domanda. Ho creato con questa storia dei ricordi abbastanza veri per chi legge, delle suggestioni, cosa farà nascere adesso IRIS? Alessandra, cosa ha fatto nascere in te che prima non c’era?

2. Sei un personaggio eclettico che spazia le varie sfaccettature dell’arte. Da dove nasce questa tua passione sfrenata? Come riesci a bilanciare i tuoi interessi? Nella tua vita quale spazio occupa la scrittura?

Grazie per non avermi chiamato scrittore, è una cosa a cui tengo molto. Credo che i ruoli siano qualcosa di molto pericoloso, come la convivenza e le religioni. E’ vero, scrivo riomanzi, sceneggiature, disegno, scolpisco, invento, viaggio e conduco una vita poco raccomandabile, per molti al limite dell’etica e del buon senso, ma la verità è che l’unica cosa che voglio nella vita è sperimentare e capire. Per me non esiste differenza fra le arti, sono solo dei mezzi, dei suppurti all’interno dei quali l’idea si sposta come una fantasma. Un libro può diventare un film, un quadro, un videogioco (che considero arte ormai) e viceversa. Non riesco a concepire tutto questo come cassetti di un classficatore. Nella mia vita la scrittura occupa il tempo dei miei respiri.

3. Con una piccola casa editrice hai pubblicato Tutti i colori del buio il tuo primissimo romanzo che viene anche citato in Iris fiori di cenere. Come nasce questa storia? Vorresti ripubblicare questa tua storia?

Tutti i colori del buio” è diventato un libro così leggendario che ormai dubito di averlo scritto davvero. Senza ombra di dubbio è il mio libro più ingenuo e più sincero. E’ nato perché a quattordici anni ho iniziato a vedere il mondo e a capire che non c’è scopo. Ne ho dovuto creare uno o almeno provare a capire il mio ruolo nel mondo attraverso altri personaggi. E allora ho capito la meraviglia della condizione umana. Siamo noi a decidere cosa ha importanza e cosa no. Fantastico vero!? Spero che in tanti capiscano cosa voglio dire davvero. Spero di ripubblicarlo con Giunti alla fine della trilogia.

4. Dal tuo romanzo Iris. Fiori di Cenere verrà tratto un manga. Ce ne puoi parlare? Chi sono i disegnatori e qual è l’ipotetica data d’uscita?

Il manga sta continuando. Le due fantastiche disegnatrici sono Annc Pacunayen e Chiara Bracale (o Chiaretta e Bon) Sarà un adattamento dei libri molto particolare e interessante perché è vero che la storia è la stessa, ma vedremo le cose sotto altri punti di vista e capiremo cosa è successo in tutti quei momenti paralleli alla testimonianza diretta di Tahra. Non conosco ancora la data di uscita.

5. Quest’anno dovrebbe uscire il secondo capitolo della trilogia di Iris. I lettori sono in trepida attesa di leggerlo (anche la sottoscritta). Ci potresti parlare di questo secondo romanzo?

Il libro sboccerà nelle librerie il 28 Settembre (E’ la prima volta che comunico la data) Se il primo romanzo aveva come sapori la cenere e gli iris, il secondo saprà di ruggine e sangue. Sarà un capitolo molto cupo, sotterraneo, fatto da ingranaggi inceppati. Il titolo è “I sogni dei morti”. Ma sarà anche molto coinvolgente. Non solo la sotria ma tutto quello che stiamo preparando attorno. Ci saranno nuovi enigmi, un blog tour e un grande problema collettivo sparso nella rete che condurrà a un evento reale… La storia in sé riprenderà da un bacio. Un bacio molto inquietante. Alcune immagini, come se fosse un trailer: Un mulino bruciato, un letto sui binari, un occhio sul computer, una bambina e Fibonacci.

6. Quali sono i tuoi progetti futuri? Ci puoi già anticipare qualcosa?

Vieni nel mio studio e ti mostrerò la macchina della Octagon-Corporation.

Iris Fiori di Cenere

Autore: Maurizio Temporin
Editore: Giunti
Pagine: 384
Prezzo: 14,90 €

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Altri articoli:

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.
  • RSS
  • Facebook